INFERNO – PRIMO CANTO

Il fuoco del camino adesso ardeva caldo, tutti erano intenti ad ascoltare le parole del buon Dante, che mangiando una noce e un po’ di pane qua e la continuava narrando:

“Ve dico la verità regà me stavo a cagà addosso, meno male che ce stava Virgilio! Considerate poi che Virgilio porca paletta me pare un cavallo, c’aveva na camminata! Ogni due secondi pe starglie dietro me toccava corre come un forsennato! In ogni caso stavamo a camminà e a na certa Virgilio me fa “Fermete e guarda che ce sta scritto?” Ce stava scritto ‘Lasciate ogni speranza o voi ch’entrate’ n’effeti, pensai, quasi quasi me do, mette un po d’ansietta eh… Poi me decisi e varcammo sta porta. Regà ce stava un bordello assurdo, gente che urlava, persone che correvano a screzio, chi bestemmiava nei peggio modi e poi na callla tremenda!”

Improvvisamente Mimmo (in realtà il suo nome è Domenico ma per tutti è conosciuto come Mimmo), si alzò in piedi e interrupe a gran voce Dante: “A Dante ma che te pensi, guarda che io lo so chi è quaa gente se chiamano Ignavi! So quelli so vissuti senza infamità e senza prese a bene! Na merda insomma!”

Dante lo guardò con uno sguardo felino e riattaccò bruscamente a raccontare: “Esattamente regà come dice er Mimmo, questi se chiamavano ignavi ma oltre a bestemmià e schiumà de callo, fanno pure n’altra cosa! St’ignavi s’erano messi a corre dietro na bandiera bianca per de più pizzicati da vespe e mosconi a rotta de collo! Perché m’ha detto Virgilio, loro so quelle persone che nun hanno preso na decisione mentre stavano in vita e quindi se devono scontà la pena loro così. Virgilio poi me dice “A Dà guardà laggiu, o vedi quel signore co i capelli bianchi e la pelata che sta a porta a gente sulla barca? Se chiama Caronte c’ha na compagnia de traghetti pe porta le anime dellà, dall’altra parte, è na persona pe bene too dico, però a vorte se la prende un po’ a male e sbrocca un po’ a tutti” Io me lo guardavo a sto vecchio, era n’attimello stressato, sa piava co tutti! Poi vedo che me viene in contro urlando “Aooo e voi? Chi siete?? C’aavete er bigliettoo? se no io nun ve porto! Me so rotto le palle de sta qua a fa er traghettatore, nun je la faccio più, E poi te che voi? Sei pure vivo mortacci, i vivi pesano de più delle anime normali io nun te porto!” io tutto impanicato me so messo dietro a Virgilio, il quale co na voce pacata je fa “Caronte bello de casa, nun te preoccupà questo è amico mio stai tranquillo,…”  Mentre a guida mia stava a chiacchierà co Caronte, sarà stata la calla che ce stava, sarà stato che c’avevo na strizza regà, ve lo giuro so svenuto.”

Mattia Maglione

INFERNO – TERZO CANTO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

4 Responses

Leave a Reply to La Divina Commedia a Roma - Inferno - III canto • Uragano Elettrico Cancel Reply

Your email address will not be published.