INFERNO – QUARTO CANTO

“… Piano piano se stavamo ad avvicina a sti due tipi, più je annavo vicino e più me sembravano personaggi familiari. A na certa Virgilio me fa “A Dà li riconosci quelli? Te li ricordi? So Paolo e Francesca.. mo se ce riesco te li chiamo ar volo” la guida mia fece n fischio e urlò “A Paolo!”, sto Paolo se girò intorno ma nun vedeva nessuno! “Tranquillo è un po’ sordo, nun sente bene, del resto poi co sta bufera nun se sente na ceppa….poi non lo so, perlomeno questi se stessero zitti un secondo invece de urlà tutto er tempo” me disse Virgilio scocciatissimo. Finarmente dopo noo so, due tre minuti Paolo venne verso de noi co sta Francesca attaccata a lui che pareva na cozza! Io contentissimo de riuscire a parlà con loro je ho detto “Paolo, a grande! So popo contento de beccatte qua giù, stai popo nforma!”- “Grazie o so, nun sembra ma a forza de sta qua a sfidà sto cavolo de vento a na certa te vengono un pochetto de muscoli, comunque te volevo presentà Francesca, s’eravamo tanto amati quanno stavamo in vita”. A na certa mentre me stava a raccontà sta storia a Francesca je preso er momento sentimentale, s’era lanciata co una valangata de lacrime, da non credece regà, ve lo dico sinceramente, nun avevo mai visto nessuno piagne così! aveva attaccato con un pippone.. era disperatissima! “Io so Francesca piacere, so de Ravenna, na città caruccia devo esse onesta, so cresciuta bene, poi c’avevo i sordi e stavo na favola, un giorno m’hanno fatto sposa pe forza quello stronzo de mi marito! se chiava Gianciotto…” Io intanto pensavo ‘ammazza, complimenti ar padre a alla madre de questo! Ma puoi chiamà tu fio Gianciotto’… abbe comunque Francesca continuava “Poi un giorno ho conosciuto sto soggetto qua, er Paolo! Me ne so innammorata subito ao. A Virgì guardalo che bello, je sto attaccata tutto il giorno, nun è n’amore?” Virgilio saa guardaa “Beh non c’è che dire popo bello ma dije a Dante perchè stai qua che lui è venuto pe sapè questo, possibilmente veloce che dovemo fa n’altra ventina de gironi” “A si c’hai ragione, caro Dante, n’acapito perchè m’hanno messo qua? Perchè ho tradito Gianciotto co Paolo l’amore mio, e sto deficiente de mi marito ha rosicato e pe vendetta m’ha ammazzato”

Beh a Francè te devo di la verità, come se dice giù a Roma, ‘amor ch’a nullo amato amar perdona’! je dissi. Poi Paolo me fa “Ma che stai a di? che vor di sta frase? Me sa che è tipo ‘chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato scordiamoci il passato simm napuli paesà’ ve?” Abbe, “lasciamo sta va” gli ho detto. Poi a regà voi ve lo ricordate quel libro che avemo letto tutti, quello che parla de Lancillotto, er cavaliere? beh je ho raccontato un po’ la storia no? de lui come ce rimane sotto a quella che poi diventa l’amante sua, eccetera eccetera.. Voi nun me crederete sarà stata la storiella de Francesca, sarà stato che Paolo è popo stupido a volte, ma mentre raccontavo a favola de sto Lancillotto.. so svenuto.. e..”

 Improvvisamente Aldo si alzò di botto “Ao me sa che hanno bussato” disse allarmato. Guinizzelli che era seduto su una poltroncina verde vicino all’ingresso, aprì velocemente la porta. Sulla soglia apparve un personaggio molto particolare: era molto basso, aveva una carnagione molto chiara, qualche lentiggine sparsa per il viso ed i capelli castani a caschetto che si potevano intravedere sotto il sottile cappuccio bianco che aveva sulla testa. Aldo, felicissimo, gli corse incontro “Ce l’hai fatta ao! Benvenuto! Non pensavo che saresti arrivato stasera! Nun m’hai risposto all’invito!” disse. Poi si girò verso Dante e gli altri “Ragazzi vi presento Dino Frescobaldi, detto ‘er fresco’” – “Scusate il ritardo regà! Abito dall’altra parte de Roma e me s’è ammalato er cavallo nun sapevo come venì, fortuna che ce stava n’amico mio che m’ha dato un passaggio che c’aveva un posto in più sul carretto suo e stava a venì quaggiù in zona vostra” disse Er Fresco mentre stringeva le mani di tutti. “Bene! so contento! Te vado a prende un piatto de patate e cicoria dellà, mettete a sede” urlò Aldo camminando verso la cucina. La casa di Aldo era piena di persone, gente che chiacchierava amabilmente e mangiava da tutte le parti, ma a tavola mancava ancora un posto.

Mattia Maglione

INFERNO – SESTO CANTO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

2 Responses

Leave a Reply

Your email address will not be published.