INFERNO – QUINTO CANTO

Er fresco era un tipo solare, lo si poteva notare dallo stranissimo modo di vestire molto colorato e vivacissimo rispetto a tutti gli altri amici di Dante. Faceva ridere proprio tutti con le sue battute; anche Guido Cavalcanti che non rideva mai accennò ad un piccolo sorriso fra una battuta e l’altra.Aldo si alzò e chiese “Bis? Quarcuno vole un po de carne?” tutti tacevano…“Ammazza che infami vabbè me magno tutto io,ma nun ve vergognate, poi se butta è peccato?” gli altri sorrisero. Dante sobbalzò “AHA!” disse “Questo me ha fatto ricordà, in che girone eravamo finiti regà! Ma meglio se ve racconto tutto dall’inizio. Praticamente ve l’ho detto so svenuto, e quanno ho riaperto gli occhi me so trovato dentr an’posto stranissimo! Carcolate che più me giravo intorno e più nun ce capivo na mazza. Poi me ricordo che notai che aveva incominciato a piove anzi no a grandinà ecco forse sì… me sa che era grandine…”Dante fu interrotto da Aldo che sbiascicò un suono simile ad un colpo di tosse, poi agitando un ala di pollo con la mano disse “Se dice nevischio a Dà! non me puoi cadè su ste cose”Dante lo guardò un po indispettito poi riprese “Si neffetti come dice Aldo me sa che era nevischio, abbe fatto sta regà che puzzava! Madonna quanto puzzavaa! Sembrava pioggia..non so come dire ecco..puzzolent…” “Demmerda!” urlò Mimmo incredibilmente eccitato. Guinizzelli sorrise “Non essere volgare, fai continuare Dante!” disse.“Se me fate finì!” disse seccato Dante.. poi continuò “Dunque si era un nevischio puzzolente.. Comunque così avemo cominciato a camminà io e virgilio, stavamo fianco a fianco. Non avete idea nun ce crederete regà, m’era apparso davanti un cane gigante ma nun c’aveva un testa ce n’aveva tre cavolo! Era na branda assurda io me so cagato in mano e me so nascosto dietro a Virgilio giustamente, perchè scusate voi cosa fareste! “Questo è er Cerbero! Nun te spaventà, tranquillo è n’amicone de solito… oggi t’ha visto a te che sei n’omo vivo e allora s’è arrabbiato..ma per il resto tranquillo, Dante amico mio” me disse Virgilio, Io intanto che ero rimasto sempre dietro a lui me pensavo ‘tranquillo tranquillo mpar de palle! E’ n’amicone? io già c’ho paura quanno vedo un pastore tedesco, figuramose sto coso qua che c’ha tre teste!’. Poi Virgilio me disse “Allora guarda come se fa Da, mo glie lanciamo un po de terra in bocca, te prenditi la testa ar centro e ce penso io a lancià sta roba nelle bocche dee teste laterali?” Apposto, glie avemo lanciato un po de terra, questo se l’è magnata e s’è addormentato, roba da matti.. ve lo giuro! Abbe passato sto Cerbero.. incominciai a notare che le anime de sto girone c’avevano tutte na panza tremenda, uno di solito prova a ottenere la cosidetta tartaruga no regà? gli addominali… beh ste anime la tartaruga ce l’avevano si.. ma ar contrario. Avevo pure notato che stavano tutte sbragate a terra, si! erano sdraiate.. ma nun ho idea de perchè, nun me lo chiedete!. Virgilio a na certa me disse “Shhh fai piano qua che queste so le anime dei golosi.. se se svegliano poi diventano irascibili e te sbroccano!” “Apposto così” je dissi, allora se semo messi in punta dei piedi a camminà fra ste anime. A na certa.. ”Improvvisamente Mimmo starnutì talmente forte da interrompere la narrazione. Dante saltò in aria. “E che è!” disse seccato. “Mortacci ha fatto no starnuto tarmente grande che a momenti sparecchia tutta la tavolata!” borbottò Er fresco, tutti si misero a ridere. “Scusate regà nun sto molto bene, continua pure..” si scusò Mimmo.Dante riprese a parlare “Ve stavo a dì, A na certa.. una di queste anime se alzò de botto, da sdraiata com’era me la so trovata in faccia, me sorrideva. “Dante amico mio! Bello de casa! Che fai nun me riconosci?!” Regà devo esse onesto nun avevo la più pallida idea de chi fosse me dispiaceva na cifra ma nun lo riconoscevo pe niente, sai quando fai a na persona ‘ciao ciao’ e gli sorridi, ma poi fra te e te pensi ‘ma chi cazzo era’ ecco uguale! “So Ciaccio!! ao Ciacco che fai non te ricordi?!!” “Ammazza Cià quanto sei brutto che t’è successo!” glie dissi e lui me rispose “Dante bello, che piacere trovarte qua, te spiego noi anime quando vieniamo all’inferno diventamo più brutte purtroppo, nun ce se po fa nulla..” Me dispiaceva pe Ciacco regà, tutto sommato era n’amico mio! Allora je chiesi un po come stavano andando le cose, se sapeva come stavano i nostri vecchi amici e lui me raccontò che giustamente s’era magnato sto monno e quell’altro e quindi era finito qua. Poi me disse “A Dà te dico na cosa, te faccio due profezie: La prima è che, tu m’hai chiesto de Firenze prima? Allora ascoltame, i guelfi neri saranno sconfitti dai guelfi bianchi e saranno cacciati! E la superbia, l’avarizia e l’invidia sono le principali discordie che distruggeranno a città tua da!” “E la seconda?” glie chiesi perchè me sa che s’era scordato.. “A già, fidate di me si te voi gioca er derby.. Giocate la Roma vincente ne so sicuro, me l’hanno detto poco fa..” Glie sorrisi lui me risorrise come faceva quanno era vivo e poi torno a dormire prima che je potessi chiede qualche altra cosa! Così tornammo a camminare regà, evitate le ultime anime dei panzoni.. ehm golosi.. io e Virgilio semo arrivati davanti a Pluto..”Mimmo chiese esterefatto “Pluto?”. Dante fece cenno di sì con la testa.Aldo intanto aveva portato in tavola una grande coppa di frutta mista di tutti i tipi. Ognuno si affrettò a prendere quella che più gradiva. Poi fra un boccone e l’altro Simone disse ad alta voce “A Dà ma alla fine taa sei giocata la Roma vincente? c’aveva preso Ciacco l’amico tuo?”- “C’ha preso sì, c’ha preso” sorrise Dante.

Mattia Maglione

INFERNO – SETTIMO CANTO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

2 Responses

Leave a Reply

Your email address will not be published.