INFERNO – SETTIMO CANTO

(VIII Canto de “la Divina Commedia a Roma corrisponde del X canto dell’Inferno della Divina Commedia)

 ‘Insomma sta Stigia era na gran rottura de palle… ve devo di la verità, più ce provavo a uscì e più la gente me se metteva in mezzo e me tirava giù!’ Concluse Dante tornando a sedersi su una vecchia sedia di legno.

Poi riprese ‘Regà ve la faccio breve, se semo imbattuti in una sorta de città fortificata, se chiamava ‘Città di Dite’ nun me chiedete perché.. ma non ce stava molto da vedè, solamente delle grosse mura, ma ve giuro popo nulla de che quindi ve salto un po de cose noiose!’

Erano rimasti tutti in silenzio, solo Petrarca ogni tanto parlava per lagnarsi di Laura. ‘Non mi vuole..’ borbottava tra se e se tristemente, finchè Dante per evitare il piagnisteo sentimentale dell’amico poeta riprese a raccontare il più velocemente possibile.

‘Semo arrivati in un posto dove faceva ancora più callo de prima, una callara infinita! Virgilio me sembrava na fontana, nun se sa quanto grondava de sudore. Poi me disse “A Da! AO! Stai attento a dove metti sti piedi! Ce stanno i sepolcri infuocati qua, si ce caschi dentro ce rimani pe davvero eh!” L’ho rassicurato du minuti e me so rimesso a cammina regà… Poi pensavo però pensa che figo se riesco a parlà con uno dei peccatori magari me dicono cose mportanti ce nun se sa mai, alla fine ste tombe so aperte.. magari me ce fanno parlà con qualcuno’

Mimmo interruppe ‘Allora?? hai parlato con qualche morto?!’

Dante lo fulminò con lo sguardo, poi rispose seccato ‘A Mimmo so tutti morti quelli co cui ho parlato, allora n’hai capito na mazza de quello che ho raccontato fin’ora’. Mimmo divenuto tutto rosse rimase in silenzio, gli altri si misero a ridere.

Dante poi riprese ‘Virgilio allora me fa “Ascortame bene bello de casa, tutti sti corpi se ricongiungeranno co le loro anime solo ner giorno del giudizio, solo allora le tombe se chiuderanno pessempre, quindi sivvoi dato che te conosco ce puoi pure parlà con n’anima… te vedo,te leggo ner pensiero, vedi mpo te!” – “Me conosci troppo bene Virgì!” je sorrisi, poi giuro regà, giuro, manco me so mosso che ho sentito uno che me chiamava.. me sembrava così strano.. era come na voce conosciuta, anzi! c’aveva popo na voce da pischello fiorentino e io come sapete bene regà, lo riconosco sto timbro de voce! Poi Virgilio se gira de colpo e me fa “E’ lui Da! Eccolo! Quello laggiù, l’avemo sgamato” in pratica da sto sepolcro ardente, era uscita fuori l’anima de Farinata degli Uberti”

Petrarca sorrise, era più sereno, sembrava che la narrazione di Dante avesse alleviato un po il suo continuo lamento. “Ah già, me lo ricordo.. era il capo dei ghibellini..” disse con aria pensierosa.

Aldo non era molto d’accordo “Co tutto er rispetto era no stronzo, poi co quella faccia da ca..” – “Shhhh ebbasta co ste parole” lo azzittì Simone sorridendo.

Dante riprese ‘Dunque, si mpratica era n capo ghibellino che.. aveva esiliato i guelfi più de na volta da Firenze.. e n’effetti era un po no stronzo eh, perché insomma faceva mpo com je pareva, poi c’aveva na moglie ma la trattava male.. insomma regà si era uno mpo così! Fatto sta che se semo messi a parlà delle solite cose.. degli antenati, come va in famiglia  e tutto quanto finche a un certo punto indovinate chi me spunta dar sepolcro che c’avevo davanti?! er padre de Guido!! Vo ricordate?? il sior Cavalcante de’ Cavalcanti!’ disse Dante rivolgendo lo sguardo verso i suoi amici attoniti.

Guido invece sembrava pietrificato, non riusciva a muoversi dalla poltrona, poi girò gli occhi verso Dante e sussurrò “Mio padre? e come sta? che ha detto Da? Nun me fa sta sulle spine, quell’omo pure da morto me mette n’ansia tremenda..”

Dante si mise a ridere poi riprese “Eeee shalla! Ha detto più o meno che te vole bene e voleva solo sapè come stavi! Nun te preoccupà.. cioè in realtà Guì, te dico la verità.. tu padre pensava che te fossi morto.. infatti m’ha detto ‘Ma è morto Guido?’ je ho detto ‘Me cojoni sior Cavalcà! ce mancherebbe altro’ ma prima che je potessi finì la frase, quello ha preso e s’è ributtato nella tomba sua! Boh!”

“Mio padre era un pò un tipo strano..” disse Guido Cavalcanti pensieroso.

“Strano vabbè si, ma pure sordo! Che fai chiedi se tu fio sta bene e poi nun ascolti la risposta?!” disse sottovoce Aldo.

 ‘Così alla fine so tornato a parlà con Farinata, che insomma pe quanto poteva esse n’infame me stava mpo simpatico, sapete che m’ha detto? Che i morti nun so tutti uguali anzi riescono vedere il futuro regà, ma non er presente!! Per questo m’ha fatto tutte ste domande il padre de Guido! …Vabbe abbandonato pure Farinata che s’era rimesso a sede nella tomba sua, proseguimmo er nostro cammino fin quando nun notai che…”

Mattia Maglione

INFERNO – NONO CANTO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

2 Responses

Leave a Reply

Your email address will not be published.