INFERNO – OTTAVO CANTO

(IX Canto de “la Divina Commedia a Roma corrisponde del XIII canto dell’Inferno della Divina Commedia)

“…Notai che in lontananza se incominciava a vede na foresta, ma grossa eh? Piena de alberi fitti fitti! Me metteva na paura regà devo esse sincero!”

“Na foresta dentro all’inferno?!’” Interruppe sorpreso Aldo.

“Sisi! Non solo! Dentro a sta foresta rega ce stavano degli uccelli che erano popo brutti, ma na cosa tremenda, soltanto che c’avevano er volto da fanciulla! Lo so che nun me credete ma è così! Se chiamavano Arpie m’aveva detto Virgilio. Ste Arpie mpratica che facevano se mettevano la e passavano da ramo in ramo, urlando a rotta de collo! Nun sapete che paura. Poi a na certa incominciavo a sentì delle voci ma nun erano più gli urli delle Arpie! Erano voci umane regà, de dolore, ma nun riuscivo a capi da dove cazzo venissero! Immaginatevece voi dentro a na foresta dove sentite tutto sto casino ma nun capite nulla!” disse Dante con una faccia del tutto inquietata.

Poi mentre metteva altra legna nel camino riprese: “Allora regà chiesi a Virgilio ‘Virgì, mo nun è pe cattiveria ma io c’ho paura! Che devo fa da ndo vengono ste voci?!’ e lui me rispose  ‘A Dà stai tranquillo, anzi fai na cosa.. vuoi capì da ndo vengono ste voci? Stacca un ramo da n’albero..’

Io a esse sincero nun capivo inizialmente poi però, me so avvicinato a n’albero e glie ho staccato un pezzo de corteccia.

‘Stronzo!’ m’ha detto l’albero. Glie ho detto ‘Ma come stronzo! me l’ha detto Virgilio de staccarti un pezzo de..’.

‘Allora stronzi tutti e due!’ m’ha detto. Allora regà io glie risposi ‘Ao stai carmo.. sto solo a cerca de capì che devo fa dentro a sta foresta’ e l’albero me rispose ‘Si ho capito ma sei n’infame! Perché io sembro n’albero ma so n’anima! C’hanno trasformato in alberi quanto semo venuti qua nell’inferno!’

Guido Guinizelli e Mimmo erano scoppiati in una gran risata che puntualmente riecheggiò in tutta la sala. Sorrise amichevolmente anche Simone mentre Er Fresco e Aldo ammiccavano con simpatia a Dante, che riprese a raccontare: “L’anima de cui ve stavo a parlà era quella de Pier delle Vigne che me raccontò la sua vita, questo qua era er consigliere più fidato de Federico II de Svevia! L’imperatore infatti je aveva dato tutti incarichi… insomma se semo capiti, incarichi de tutto rispetto diciamo! Solo che a na certa è stato licenziato ingiustamente e s’è ammazzato.”

“Bello” disse Cavalcanti ironico.

“Lascia perde!” riprese Dante poi continuando: “ Comunque allora je chiesi ‘Scusa a Piè, ma perché sei diventato n’albero?!’ e lui me raccontò ‘Mo te spiego anzitutto noo’ so manco io ..però succede così.. noi anime dei suicidi .. cioè quanno crepamo, le nostre anime cadono qua dentro a sta foresta e ricrescono sotto forma de arbusto diciamo. Ma Dà te dico la verità.. è na sola pazzesca perché pe primo semo straziati dalle arpie e sti urli demmerda tutto il giorno, secondo quanno arriva er giorno del giudizio e tutte le anime possono rientrà nei corpi loro noi nun potemo! Anzi er corpo nostro rimane appeso ai nostri rami!’ Mo ve dico na cosa regà, io nun c’ho capito na mazza de quello che m’ha detto ma era popo triste…”

Dante prese una pausa, penso bene a cosa volesse dire poi riprese “Sta foresta regà ve l’ho detto era no strazio co sto urli! Poi però nun sapete che è successo, stavo a parlà con Virgilio quanto a na certa passano due persone nude, e regà.. nude e dico popo totalmente nude, che correvano come pazzi perché erano inseguiti da due cani! Poi vabbè i cani hanno preso uno dei due.. e nun ve dico che je hanno fatto… Ve spiego er girone qua non era solo delle anime suicide che so diventate alberi ma anche de quelli che erano stati in vita degli scialacquatori, che come condanna c’avevano quella de esse nudi, corre pe na foresta, ed essere sbranati da cani..”

Simone sembrava improvvisamente incuriosito: ’Ce famme capì Da, er primo de quelli che scappavano è stato sbranato dai cani e l’altro?’

Dante sorrise. “Ah già l’altro..” – “L’altro s’era nascosto in un cespuglio, ma come sapete i cespugli in realtà so anime, e nun ve dico l’anima de sto suicida come l’ha presa quanto s’è visto arrivare un tizio nudo addosso…”

 Mattia Maglione

INFERNO – DECIMO CANTO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.