INFERNO – NONO CANTO

(X Canto de la Divina Commedia a Roma corrisponde del XXVI  canto dell’Inferno della Divina Commedia)

Adesso dormivano tutti, ma proprio tutti.

Dante e i suoi amici dopo aver banchettato per quasi sei ore di fila si erano tutti assopiti. Alcuni come Aldo e Mimmo russavano pesantemente, altri come Simone e Guido Cavalcanti emettevano mugugni simili a frasi sensate, inevitabilmente senza rendersene conto. Sul lungo tavolo di legno erano rimaste ancora tutte le posate che assieme ai vassoi d’argento e alle tazzine da caffè luccicavano, riflettendo la leggera e esile luce di una candela, che illuminava la stanza ad intermittenza.

Tutt’ad un tratto un boato fece tremare i vetri delle finestre e scosse lievemente le pareti di casa. Dante fece un sobbalzo, aprì gli occhi e indirizzò lo sguardo subito verso la finestra. Stava diluviando. Piano piano i continui tuoni svegliarono quasi tutti, tranne Aldo che continuò a dormire senza alcun problema. Così con una tazza di latte caldo davanti, Dante riprese a raccontare: “Sto temporale me fa venì in mente n’eroe che ho incontrato laggiù nell’inferno. Lui co la nave sua da Itaca s’è girato tutto er monno possibile, nun so se me spiego. Sole, pioggia, tempesta… lui popo ‘sti cazzi. S’è n’è annato in giro ovunque. Sto a parlà de Ulisse. Popo Ulisse regà.

Ve spiego: Dopo esse uscito dar boschetto dove stava er Pier delle Vigne, io e Virgilio avemo attraversato tutto l’ottavo cerchio, dove ce stavano tutti i tipi de anime. So riuscito a incontrà le anime degli adulatori, gli indovini, me pare pure gli ipocriti.. e un sacco de gente che me salutava ma che io popo nun c’avevo idea de chi fossero.”

“E quindi hai incontrato davvero Ulisse? Nun ce credo!” disse Mimmo meravigliato.

“Vabbe Ulisse era mpo n’deficiente eh, se la scoattava come pochi co quella barca, mezzo che se lo merita de sta all’inferno” gridò Simone suscitando un certo numero di sorrisi.

Dante riprese: “Io e Virgilio avemo incontrato Ulisse dentro all’ottava bolgia. Considerate che appena semo entrati me pareva de vedè tutte lucciole, pareva che ce stavano tutte fiammelle che stavano là a luccicà ner buio dell’inferno. Così je ho chiesto alla guida mia ‘Che è sta roba Virgì?’ e lui me rispose ‘Te sembrano lucciole? Quello è perché sei un po ‘mbecille. In realtà Da, so Anime solo che so nascoste da ste strane fiammelle. Stamo nella bolgia dei consiglieri fraudolenti!’

Me pareva tutto così strano regà. A na certa ce stava una de stefiammelle che c’aveva due punte ‘Che è sto cosoo?’ je chiesi a Virgilio n’artra volta e lui con tutta calma me disse ‘Nun è ‘sto cosoo’, queste so due anime unite, so avvolte dalla stesa fiammella. Voi sapè a verità.. Le anime so de Ulisse e Diomede, che procedono verso l’inferno insieme, come nella vita hanno fatto tutti e due le stesse cappellate. Capito Da?’ Allora me so avvicinato a una e je chiesto ‘Ao sei te Ulisse?’ – ‘Si!’ m’ha detto. Io che nun me faccio mai i cavoli mia allora je chiesi ‘Ma perché t’hanno messo qua, sei n’eroe!’”

E lui me rispose ‘Dante bello mio.. sta bono va. Io nella vita, ho fatto sempre er coatto. Co sta nave me la so tirata na cifra, nun stavo mai a casa, e pe me i parenti e pure mi moje nun contava popo’ nulla. Na volta so tornato a Itaca e manco m’hanno riconosciuto pe quanto tempo so stato a viaggà pe mare.’- ‘Ho capito ma…’- ‘Zitto! nun me interrompe. Na volta decisi de superà le colonne d’Ercole. Maa so popo’ sentita. Allora me so preso n’equipaggio, mpo de marinai e semo partiti. Er disagio Da. Er disagio! Sai che vor di er disagio vero? Dopo manco cinque giorni se semo trovati in una tempesta mostruosa. In lontananza se vedeva na montagna, ma nun je la feci a cambià rotta in tempo che un mulinello ce risucchio a me, i marinai e tutta la nave.”

AMMAZZA CHE SFIGA. Pensavo naa testa mia.

Mattia Maglione

INFERNO – UNDICESIMO CANTO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

One Response

Leave a Reply

Your email address will not be published.