INFERNO – DECIMO CANTO

(XI Canto de la Divina Commedia a Roma corrisponde del XXXIV canto dell’Inferno della Divina Commedia)

 

E’ annata cosi’, questo è come ho incontrato Ulisse.. Alla fine m’è dispiaciuto na cifra sentillo così giu”

Disse Dante andandosi a sedere su una vecchia sedia di legno. Tutti i suoi amici sembravano quasi sorpresi dal racconto appena fatto, guardavano Dante attoniti e il silenzio era tornato, anche se a tratti il solito Petrarca si lamentava piagnucolando della ‘scomparsa’ della sua Laura.

Aldo a quel punto con il suo solito vocione disse “Qua se sta a fa’ l’alba, vojoo torna a dormì! Hai finito de parlà?”

“No ancora no” rispose Dante immediatamente, poi riprese: “Io ed er Virgilio, semo annati fino infondo all’inferno. Avemo visto de tutto, de TUTTO! Nun so se me spiego. Avemo incrociato uno a na certa che se chiamava Ugolino regà e..”

‘Bel Nome demmer..’

‘Zitto!’ disse Dante, alzando il dito verso Dino Frescobaldi detto Er Fresco, che stava per far partire una battuta delle sue. Poi continuò “Voi dite se chiama Ugolino, si fa cagare come nome, che ce devo fà! Fatto sta che co Virgilio se semo avvicinati a sto tipo e io notai che stava a magnà! ‘Mbeh ao bono’ pensai, allora je chiesi alla guida mia ‘A virgì ma questo magna, magna.. ma che se magna?’ e lui me rispose ‘Avvicinate, chiediglielo e poi me dici…’ Così so annato da sto conte Ugolino e je ho chiesto ‘Senti ma che stai a fa?’-‘Magno carne, vuoi mpo?’ me rispose. Poi per un momento pensavo.. quasi quasi.. ‘Ma che carne è?’ je dissi e quello co na faccia tutta strana me risponde ‘A coso è carne umana! La più pregiata!’”

‘Che schifo!’ Esclamarono tutti in coro.

Dante per un momento sorrise poi riprese “Voi dite solo che schifo? Io ho preso e so scappato, me so dato proprio! Poi je ho detto alla guida mia:

“A Virgì prima che ce magna questo a noi ANNAMO VIA, PRESTO” se semo messi a corre per un bel po’ regà, stavo a morì. Poi a na certa m’è caduto lo sguardo su una montagna, anzi non una montagna na sorta de coso gigante, e più arzavo lo sguardo più me cagavo addosso! Pensate voi non loo so: uno se trova infondo all’inferno co ’n mostro davanti all’occhi, n’altro che se chiama Virgilio che invece de tranquillizzarti se mette la a spiegà.. fate voi regà.

Nun sto a scherzà, pe la paura me so messo dietro alla guida mia e je ho chiesto ‘E..ee. questo chi cazz’è? Te prego Virgì portame via da qua’, nun ce la faccio più co sto mostri e lui me rispose ‘Nun te posso portà via, potemo solo annà avanti..comunque Dante bello mio semo arrivati alla fine…la fine dell’inferno e sai chi è sto mostro? Se chiama Lucifero. Lui na volta era l’angelo più bello de tutto er paradiso, er più simpatico, er più allegro, er più attraente ma c’aveva n’ difetto: se vantava. E pure parecchio, na sorta de quelli come se chiamano…ah! cagacazzi! Una vorta caro Dante o sai che je preso de fa a sto Lucifero? E’ annato direttamente davanti a Dio e je ha detto ‘Ma te chi te credi d’esse co sta barba co tutta sta luce, co tutti sti tizi che te svolazzano intorno! Ao ma so più bello io e pure de molto si permetti!’ A Da capisci bene che Iddio nun l’ha presa molto bene, anzi nun je piaciuto pe niente che sto tipo je avesse rivolto st’insulti, allora sai che fece? LO SCARAVENTO’ AR CENTRO DELLA TERRA.’ Creando l’inferno, er posto dove stanno tutti i peccatori, er posto che avemo attraversato fino ad adesso.

Dante si fermò, fece un bel respiro grosso, poi continuò a narrare: “La spiegazione de Virgilio me aveva messo na paura, considerate.. è colpa de questo se esiste l’inferno no? Io nun c’ho pensato du vorte, me so rimesso a corre come un forsennato, Virgilio me seguiva a malapena..poraccio nun ce l’ha proprio lo scatto. Avemo imboccato un sentierino, già tutta l’aire se stava a fa più limpida.. sembrava che a na certa se vedevano pure le stelle.. calcolate regà, che sto sentiero portava a na caverna tutta buia, ma prima de arrivà alla caverna ce stavano alcune anime che bazzicavano in giro qua e là. Pe n’attimo ho pensato ‘Mejo si continuò a corre così me lascio dietro quer mostro de Lucifero, poi però so stato assalito daa curiosità, a ‘curiositas’ se dice in latino e ho pensato ‘Mazza pe sta quasi ar centro della terra, alla fine dell’ inferno, così vicine a sto mostro de Lucifero chi sono ste anime?’ e così me so avvicinato e una de queste m’è venuta incontro e me fa: “Uah e chist’ chi è? Azz, ma tu sei vivo? Tu si viv’assai?” ma ve giuro regà nun lo capivo allora je ho chiesto alla guida mia, er poro Virgilio ‘A virgì ma c’ha detto questo?’ e lui me rispose ‘Tranquillo Da, nun è na lingua strana, è napoletano, questa è l’anima de Cassio, vedi lui è uno di quelli che ha ucciso Giulio Cesare. Bruto invece suo figlio sta più avanti, lo vedi laggiù?’- ‘Me cojoni!’ je dissi a Virgilio. Considerate che là infatti ce stavano le anime de tutti i peggio traditori, la peggio gente proprio, tutta a malavita der monno diciamo, tanto che appena me so voltato, più avanti ce stava er peggio traditore de tutti, er peggio stronzo che ha dato vita a na generazione de infami. Indovinate un po’? Ce stava popo lui, Giuda! Er traditore de Gesù. A quei punto regà ho arzatoo la voce nun c’ho visto più e je ho detto ‘A giuda! A ‘nfamee, ecco dove sei finito! All’inferno eh? e too meriti.. Sai che te meriti dato che sei n’infame, solo le lame. Capito? a Giuda pe te solo le lame!”

“Hai fatto bene! Sei la voce di tutti noi bello de casa” interruppe Aldo con un’aria soddisfatta.

“Grazie, scusate eh.. ma je lo dovevo proprio dì” sorrise Dante. Poi dato un forte colpo di tosse riprese a parlare: “Dopo aver incontrato Giuda regà era finita, finita per davvero… io e la guida mia avemo imboccato la caverna di cui vi parlavo prima e semo usciti dall’inferno. So sincero..Virgilio non lo so ma ve posso dì che io, lì,  nun ce tornerò mai più, ve garantisco che quello che ho visto in quel posto nun lo auguro a nessuno al mondo”

Era tornato il silenzio in casa. Tutti erano stupefatti dalla storia di Dante, ma allo stesso tempo tristi che il loro amico aveva finito di raccontare le sue vicende.

Tutti avevano gli occhi abbottati di sonno, ma pur di sentire Dante narrare ancora una delle sue storie avrebbero resistito altri cent’anni prima di addormentarsi. Mimmo il più curioso di tutti ruppe il silenzio: “A Da ma allora? Questa caverna dove siete entrati? Dove vi ha portato?!”

Dante sorrise poi si girò e disse: “Sulla spiaggia di un’isola, sulla quale sorgeva una montagna altissima… ma questa è n’altra storia…”

Mattia Maglione

PURGATORIO – PROLOGO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

One Response

Leave a Reply

Your email address will not be published.