INFERNO – UNDICESIMO CANTO

Dante stava per fatti suoi. Assorto tra i suoi pensieri e con la testa fra le nuvole passeggiava per la sua Firenze, inciampando quà e là sulle pozzanghere che si erano formate per la forte pioggia dei giorni precedenti.  Tornando a casa si trovò nella buca da lettere una busta di colore grigiastro che emanava un forte odore di cibo. Poco dopo, aperto il grosso portone di legno che separava la camera da pranzo con il salone, Dante andò ad aprire la fatidica busta grigia che aveva appositamente poggiato sul tavolo. “Ammazza che puzza de salame” esclamò. La busta conteneva una lettera scritta a mano da Aldo, un carissimo amico di Dante,  che però invece di scrivere normalmente su un pezzo di carta, per fare economia aveva riciclato una vecchia carta da salumi che evidentemente non aveva ancora perso il suo odore. La lettera diceva:

Caro Dante,

Come stai bello de casa? Me so messo a invità tutti li amici nostri pe sto fine settimana, so che ce tengono na cifra a rivedette e come der resto me sembra sia giusto ce tengo anche io. Sti giorni purtroppo so stato male, eh… so cazzi eh Da! So annato in farmacia e me so preso na settantina de medicinali, sette piotte e mezzo! Co a farmacista che quanno te pia er medicinale apre quer cassetto che pare un vagone ferroviario. Che ansia! Co sta temperatura che sale e che scenne io me faccio vecchio e nun ce capisco ncazzo. Un giorno te dicono pija l’ombrello e invece ce sta er sole, n’altro te dicono vattelapijanderculo che manco noi o sapemo er tempo. Mo oggi, qua a Roma, ce sta na calla, mortacci pare de sta in Tunisia! Te bella pe te stai tranquillo a Firenze ma lo so che sotto sotto te manca la capitale. Come te fa a nun manca er colosseo, er cuppolone, er tufello, fidene, er labaro, er pigneto! Essù! Comunque, ce stava Petrarca che m’ha chiamato quarche giorno fa. Dice che ha smesso de lagnasse pe quaa cojona de Laura, e s’è rimorchiato na Brasiliana o na cosa simile e ancora se lamenta “E statte zitto! Je ho detto”. Ho sentito coso.. Guinizzelli! Ha detto che si je pija scenne e ce viene a trovà se no no! N’attimello infame. Poi coso.. quell’altro Cavalcanti ha detto che ce sta sicuro che vole senti una delle storie tue. E quei du cojoni de Mimmo e Simone che stanno a fa i coatti che nun se vojono fa mai senti, je ho detto beh devono da veni pefforza che je devi raccontà na storia. Te aspettamo tutti Da! Vieni presto: VOLEMO SAPE’ ER SEGUITO DAA’ STORIA.

N’abbraccio.

Aldo.”

Dante sorrise, corrugò la fronte e poi mandò un lettera al suo amico di Roma, dicendo che sarebbe venuto per il fine settimana e che non vedeva l’ora di rivedere tutti i suoi amici per raccontargli la sua seconda grande avventura: IL PURGATORIO.

Mattia Maglione

PURGATORIO – PRIMO CANTO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

One Response

Leave a Reply

Your email address will not be published.