PURGATORIO – PROLOGO

In men che non si dica, Dante arrivò a Roma. Erano tutti estremamente contenti di vederlo e superati i primi abbracci, le varie presentazioni e le corpulente strette di mano, Dante guardò i suoi amici dritti negli occhi ad uno ad uno, dopodichè iniziò a parlare esordendo con un sonoro “Pronti?”.
I suoi amici non aspettavano altro, ed appena fecero cenno di si con la testa Dante incominciò a raccontare con il suo fare solito: “Anzitutto abbelli! Quanto siete belli, quanto? Beh alla fine manco tanto…” sorrise per un po’ di secondi poi riattaccò: “Sto a scherza’! Belli, belli de casa.. Mo’ ve racconto che è successo dopo. Carcolate che io e Virgilio semo usciti dall’Inferno attraverso na sorta de grotta. Se chiamava.. BUDRILLO! Ah no.. famme pensa! BORDELLO! No! BUDELLO! Ecco regà si! Budello se chiamava sta grotta. Infatti appena semo corsi via da quella sorta de mostro, quell’accrocco mostruoso de Lucifero, Virgilio me fa ‘Viè de qua cojone, nun scappà’ e me portò via dentro a na lunghissima grotta piena de ragni demmerda e de pipistrelli. Finché a na certa …vedo na luce..”

“Usciti dalla grotta regà ce stava er più splendido, er più fantastico, er mejo degli scenari. Un cielo tutto azzurro, na spiaggia, na bordata de angeli che venivano e annavano de qua e dellà.
‘Me Cojoni’ dissi a Virgilio. E lui subito ‘AH NO! Nun se dicono parolacce qua dentro, mica stamo a Porta Portese, guarda che nun semo più nell’inferno ora, cazzo’ – ‘Ma scusame Virgì nun è pe cattiveria ma hai appena detto cazzo!’ je dissi. E lui rispose ‘Ssssshhhh.. ancora co ste parolacce’ – ‘Ma come lo hai detto ora, l’ho sentit…’ La guida mia me interruppe n’artra vorta ‘Zitto, guarda, guarda in cielo. Quelle sono le stelle delle virtù cardinali: Fortezza, Prudenza, Temperanza e Giustizia. Da tenere sempre in testa se sei una persona saggia, Dante, Bello mio!’ – ‘Eh purtroppo Virgì nun è popo facile a volte la gente te fa incazzà male, tu lo sai me capisci nun è popo così…’ La guida mia annuì e poi sorrise.”

Gli amici di Dante erano letteralmente estasiati dal racconto. Tutta Roma sembrava ascoltare Dante, che sedutosi su una vecchia sedia di pelle ricominciò speditissimo a parlare:

“A regà io so onesto, er paesaggio era davvero bello, le stelle, er sole, la spiaggia uno spettacolo.. ma ancora nun avevo visto anime. Allora je chiesi a Virgilio ‘Scusame Virgì.. ma stamo nel purgatorio sì? Nun vedo anime.. solo angeli, ste stelle…’ – ‘Certamente’ me rispose la guida mia. A regà nun ce stava nessuno, poi incominciava pure a tirà na certa giannetta.. non indifferente devo dire. Finchè ad un certo punto in lontananza me appare na sagoma de uomo, er sole je se rifletteva tutto in faccia e nun se riusciva a distingue bene er viso. Poi mano mano che se avvicinava je so annato incontro.. era uno che c’aveva na boccia assurda e na barba abbastanza lunga tutta brizzolata ‘Ammazza e fattelo prestà un rasoio no..’ pensavo io. ‘Lo vedi quello? E’ Catone, Catone l’Uticense, s’è ammazzato ai tempi de Giulio Cesare. Adesso sta qua che fa er guardiano del purgatorio.. na brava persona te lo assicuro’ disse la guida mia. Sto Catone se avvicina a noi e me fa ‘Bella!’ – ‘Bella!’ je dissi. Poi Catone guardandoci bene disse ‘Ao ma dovete da tornà indietrooo, è chiuso qua! Questo è er purgatorio nun potete stare quaaaa, se siete dannati tornate da ndo siete venutiiii!’ io me lo guardavo ‘Ma che cazzo te urli!.. sto rincoglion..’ je stavo a di, poi Virgilio me ferma e je dice lui ‘Stai calmo Catò! e che è! Questo è Alighieri Dante, nun è dannato è vivo. Io lo sto solo accompagnando, stamo ad anna su dar Signore, mica stamo a fa un viaggetto tanto pe fa.’.
‘Ma che fa sempre così questo, prima te accoglie e poi te sbrocca? Ma ste cose nun accadono manco a Piazza Sempione…’ je sbroccai.. ‘Stai calmo’ me riprese la guida mia.

‘Annamo avanti va.. che è meglio’

Mattia Maglione

PURGATORIO – SECONDO CANTO

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

One Response

Leave a Reply

Your email address will not be published.