PURGATORIO – PRIMO CANTO

Dunque.. dove ero rimasto? Ah! Sisi! Scusate me so dimenticato. Stavamo a parlà de Catone ve?”
Dante e i suoi amici, questa volta, si erano spostati.
Erano andati tutti in riva al mare, il vento soffiava lentamente e lungo la spiaggia non vi era traccia di anima viva. Il sole batteva così assiduamente sulla crosta del mare, che l’acqua aveva assunto un colore metallico, simile al platino.

“Se schiuma” disse un pescatore con voce marcata rivolgendosi a Dante.
“Che dovemo fa..” sorrise con rispetto Dante.

Poi con calma si sedettero tutti intorno al sommo poeta che cominciò a raccontare: “Catone quanto me rompeva le palle.. ‘e questo nun se po fa’ – ‘e qua ce stanno le regole’.. ebbasta! Comunque regà, ve dico, io e Virgilio che a sto punto avevamo camminato tutta la notte,a na certa stavamo a barcollà! C’è preso n’sonno.. Ho detto quasi quasi m’appoggio n’attimo e me faccio na pennichella nun indifferente, ma mentre facevo sto ragionamento vedo in lontananza na luce. Sta luce piano piano diventava sempre più forte, sempre più intensa.. pareva er sole. E s’avvicinava, s’avvicinava. ‘Aiutame Virgì’ je dissi alla guida mia’

“Ebbasta pure te co tutte ste paure! stai tranquillo, mica te poi cagà sotto pe na luce, mo ce penso io.” me disse pe tranquillizzarmi.
Virgilio me spiegò che la luce in realtà era un angelo! L’angelo nocchiero, na sorta de Caronte del Purgatorio. Ovviamente essendo n’angelo Virgilio me fa “Ao, occhio eh, nun di parolacce, nun famo figure… e se semo capiti. E stai dritto co ste cazzo de spalle.” Dall’imbarcazione trainata da st’angelo so scese parecchie anime, che cantavano tutte na sorta de inno religioso. Il problema regà e che l’angelo nocchiero, dopo averle benedette, s’è dato! E io e Virgilio semo rimasti co tutte ste anime attorno che ce chiedevano dove anna per fa er percorso daa purificazione”

La sabbia in spiaggia era diventata incandescente. Mimmo il più giovane degli amici di Dante si lamentò con fare eccessivamente ironico: “Annamo ar mare… che mentre Dante racconta sembra de sta sulla spiaggia del purgatorio, mazza che bella idea ..si! ‘Ca mignotta 344 gradi fanno e ancora stamo..”- “Zitto! Basta!” interruppe Petrarca. “Non ti lamentare, guarda che se ci fosse Laura qua..”

“Sssshhh, zitti tutti, mo ricomincia a Raccontare” disse Aldo mentre tentava di sedersi a gambe incrociate sul molo dove si erano sposatati tutti.

Poi Dante riprese: “Ste anime portate dall’Angelo se so accalcate tutte intorno a me, manco a Via Sannio! Tutte che chiedevano “Dove dobbiamo andare?” – “Che dobbiamo fare?” – “Ma è vero che sei vivo?” – “Ci puoi fare un autografo?” alla fine ce ha dovuto pensa er Virgilio, come sempre.

“Sentite” disse la guida mia. “Nun lo so dove dovete andare voi, io sto qua pe accompagnà lui, stiamo andando su dal.. dal Signore. Ce aspetta. Nun è pe cattiveria ma noi se ne dovemo annà!” Il problema regà, era che mentre Virgilio parlava, un’anima viene da me e se mette a cantare. “Bello” pensavo io..

St’anima continuava e continuava sta cantilena, a na certa prende, m’abbraccia e me dice “Li mortacci tua!”

“Piano co gli insulti, e poi che te insulti i morti che tanto stamoo ar Purgatorio..” je ho detto.
“Ma no..” me dice lui.
“E’ un modo affettuoso de salurtarti!”
“Eh, me cojoni!”

“Dai Dante! Alighieri Dante!! Nun te ricordi nemmeno di me.. che infame, mica se fa così. So Casella, Ao! Casella! Er musicista, quello che te cantava sempre le canzoni, te ricordi le mbriacate che se scemo fatti.. dai…”
“Casella!!” je dissi
“Ma sei popo te! Mortacci, scusame se nun t’ho riconosciuto, sai chi ho beccato de sotto all’inferno coso la eeh.. Ciacco.. sta messo male eh.. Vabbe Comunque, scusame è che er Purgatorio te ha fatto sembrà più bello, eri brutto come la fame sulla terra. Mo, sei arrivato da me tutto splendido..è normale che nun te riconosco..”

Casella me sorrise. “Bello Dante, me ha fatto piacere rivederti, mo scappo che sta arrivà Catone. Ao zitto eh, nun je di che ho detto le parolacce. Ciao bello”

So stato contento de rivedè Casella, regà calcolate che da giovani avemmo fatto le peggio cose.. anche se questa è n’altra storia….

Mattia Maglione

About The Author

Mattia Maglione

Mattia è uno studente universitario che studia Scienze della comunicazione e Letteratura Inglese. Italo-Americano, ma eccessivamente Romano de Roma, è affascinato da tutte le materie che richiedono abilità creative: dalla scrittura e la poesia al teatro. Considerato solare, ma allo stesso tempo al limite della normalità, adora far ridere e far divertire le persone. Grande fan dei Beatles. Artista ed attore preferito: Robin Williams

Related Posts

One Response

Leave a Reply

Your email address will not be published.